venerdì 11 dicembre 2009

Telethon e la rete: fare beneficenza con il passaparola

I numeri danno l’idea di un fenomeno che sta crescendo mese dopo mese. Parlo dell’adesione degli italiani ai social network e a Facebook in particolare, che ha raggiunto quasi 13 milioni di utenti. Certo i dati andrebbero filtrati cercando di capire quanti utenti utilizzano effettivamente il loro profilo e chi invece già lo ha già lasciato morire. Al di là di queste questioni squisitamente sociologiche, i dati dicono che un quarto della popolazione italiana ha almeno per curiosità effettuato la registrazione.


È notizia di questi giorni, come apprendo dal blog di Digital PR, che anche la Fondazione Telethon nel ventennale della maratona televisiva abbia deciso di promuovere la raccolta fondi attraverso il passaparola degli internauti proponendo diverse iniziative per diventare web runner di Telethon. Fra queste, banner e widget da installare sul proprio blog/sito attraverso cui effettuare donazioni, aste benefiche su e-Bay e la diretta web di cui si può inserire il player nel proprio blog/sito grazie al codice fornito dalla DOL, piattaforma che cura lo streaming (per tutti i dettagli delle iniziative rimando a questo post di Andrea Genovese e al blog dell'iniziativa). 


L’aspetto che mi interessa di più, e su cui spero vengano diffusi dei dati, è che banner e widget registreranno quante donazioni verranno effettuate e da quali siti, restituendo una misura dell’efficacia del passaparola di cui si parla molto a livello teorico e che certamente si verifica, ma di cui si hanno spesso dati imprecisi per capirne le effettive dimensioni.

Nessun commento: